Soggiorna qui

La tua vacanza su misura

Manchi solo tu.

Le Marche, un territorio ricco di Arte, Storia e Cultura.

Nel Montefeltro una terra vergine, bella ancora come un tempo, divisa in quattro comuni, oggi uniti tra loro con il nome di Terre Roveresche.

Scopri le bellezze, i sapori, i luoghi e la cultura di Terre Roveresche, le 4 terre di bellezze, di meraviglia e di storia: I Borghi, l’Ospitalità, il Divertimento, l’Arte e Cultura.

 

La Collemar-athon, la maratona dei valori

Una corsa unica, un’occasione imperdibile per maratoneti e accompagnatori, che potranno vivere un’esperienza indimenticabile: un viaggio nella storia e nella cultura della nostra gente, ricca di tradizioni e forte di un passato plurisecolare.

Richiedi informazioni compilando il modulo di contatto.






acconsento al trattamento dei miei dati (Privacy policy e note legali)

Urbino (45 km)

Fu uno dei centri più importante del Rinascimento italiano, di cui conserva appieno l’eredità architettonica. Dal 1998 il suo centro storico è patrimonio dell’umanità UNESCO. Data la sua importanza, la città è ricordata nella serie di sculture del Vittoriano, dedicate alle quattordici città nobili dell’Italia unita.

Pesaro (25 km)

Un centro balneare situato tra due colline costiere; il suo centro storico è ricco di elementi di interesse, specie del periodo rinascimentale. Conosciuta con il soprannome di Città della Bicicletta, per via della vasta rete di piste ciclabili estesa sul suo territorio (la prima città in Italia per numero di spostamenti urbani in bici); e con quello di Città della Musica, per via del forte legame ancora attuale con il compositore pesarese Gioachino Rossini e le sue numerose opere.

Fano (15 km)

Città, famosa per il suo carnevale, il più antico d’Italia, fu un importante centro romano, conosciuto come Fanum Fortunae, nome che rimanda al “Tempio della Fortuna”, probabilmente ere o a testimonianza della battaglia del Metauro.

La città ebbe un notevole sviluppo durante il dominio romano grazie alla sua posizione strategica. Successivamente Cesare Ottaviano Augusto dota l’insediamento di mura di cinta (ancora parzialmente visibili).

Gola del Furlo (35 km)

La gola o passo del Furlo è una gola situata lungo il tracciato originario della via Flaminia, nel tra o in cui questa costeggia il fiume Candigliano affluente del Metauro nella provincia di Pesaro-Urbino nel comune di Fermignano.
La forra si è formata tra il monte Pietralata e il monte Paganuccio, grazie alla forza erosiva del fiume Candigliano; nei millenni ha raggiunto una notevole profondità, che tuttavia attualmente non è più visibile a causa della diga, costruita nel 1922, che ha ridotto l’impetuoso corso d’acqua a un placido lago.